Blog

Canestro di Macchi in rovesciata, Schio vince a Lucca e porta la serie sul 2 pari. Le orange dominano gara 5 in casa e si cuciono sulle maglie nuovamente lo scudetto. L’hastag “la gente come noi non molla” mai spopola sul web.

Fermi tutti, questa volta non è andata così!

E chi se lo aspettava?

Ora tutti a scrivere che Macchi & Co sono vecchie, che Schio non ha programmato un ricambio generazionale (ehi ma Zandalasini e Tagliamento le avete viste?), che Procaccini non è all’altezza, che non si può lasciare fuori una come Andersone ecc ecc. La verità però è semplicemente che questo scudetto a mio avviso non l’ha perso Schio, ma l’ha vinto Lucca… Con sudore, umiltà, tenacia. Con un sistema di gioco che non è esattamente il mio preferito, e che tutti pensavamo alla lunga sarebbe stato troppo dispendioso, ma che invece si è rivelato vincente. Non si possono che fare i complimenti al condottiero Diamanti, i visionari sono quelli che proseguono convinti per la propria strada e alla fine mostrano a tutti che avevano ragione loro. Chapeau!

E comunque a Lucca c’è di più: c’è anche il talento, perché se no uno scudetto non lo vinci. Forse non ce n’è tanto come a Schio, ma c’è. Talento non è solo avere una meccanica di tiro perfetta o un ball handling alla Kyrie Irving, talento è anche buttare la palla sul tabellone con precisione per sbagliare il tiro libero, prendere un rimbalzo in attacco tra due che sono il doppio di te, rubare un pallone, gestire i ritmi della partita. L’intelligenza cestistica è un talento.

Il merito più grande di Lucca, comunque, è stato crederci: sembra una cosa da poco, ma alla fine è quasi sempre la testa che fa la differenza. Non è facile scrollarsi di dosso una storia fatta di finali perse e giocare senza paura, però è anche vero che quando non hai niente da perdere spesso riesci proprio a sgombrare la mente e a dare il meglio. D’altro canto va detto anche che giocare con addosso il peso del “dover dimostrare” sempre di essere le più forti, il peso di “dover vincere” per forza è molto difficile. Forse più difficile! Schio ci ha fatto vedere, in questo finale di stagione (il video di Ragusa prima e la sconfitta ora) di essere una squadra umana… Tutto sommato non è una cosa così brutta.

Non so se questa vittoria farà bene al movimento o meno, sicuramente porta una ventata di aria nuova, dà coraggio ad altre Società ambiziose e ne premia una che da anni lavora bene, che ora è ulteriormente spronata a migliorarsi.

Una cosa di sicuro l’abbiamo imparata, ma forse già la sapevamo: in questo sport non vince sempre chi sulla carta è più forte… E in fin dei conti è proprio per questo che ci piace così tanto la pallacanestro, non è mai scontata!

Complimenti a Lucca, la prima volta non si scorda mai!

0 Comments
892 Views