Blog

Aprite il cassetto delle calze e contate quelle da basket. Quante sono?

Io, questa mattina, facendo la borsa per l’allenamento della sera, ci ho fatto caso per la prima volta: ne ho 14 paia!

Considerato che a settimana faccio tre allenamenti più la partita, vuol dire che potrei andare avanti 3,25 settimane senza lavarle. Certo, non siamo ai livelli di Wesley Joel Matthews (anello NBA con Los Angeles nel 1989 e 1988), che ai tempi di Varese buttava via i calzettoni sudati dopo ogni allenamento ma, per una che gioca per divertimento, non è male.

Guardando le mie compagne in allenamento, e le avversarie in partita, ho capito che la fissa delle calze non è solo mia, ma è proprio una mania diffusa, che per altro non ha età e ha contagiato in maniera uguale le teenagers dai capelli azzurri, le galline vecchie come me, ma anche i maschi che si allenano dopo di noi!

Ma quando è successa questa cosa? Io da piccola giocavo con i tubolari bianchi e poi sono passata ai fantasmini; i più fantasiosi, al massimo, sfoggiavano una calza nera alla caviglia… Ora invece siamo nel boom del colore!

Ci sono due categorie di pensiero: quelli, come me, che cercano il pendant calza/scarpa/mise da allenamento, e quelli che i colori se li buttano addosso a caso e più cozzano tra loro meglio è. Quelli insomma che di ignoranza ne hanno in abbondanza!

Il momento del passaggio alla calza colorata per me è stato quando, alcune stagioni fa, è entrata in vigore la regola del “tutti i giocatori devono avere le calze dello stesso colore” in partita. A me piace tanto la “divisa” di squadra: stessa tuta da trasferta, stessa giacca, stessa calza, mi da l’idea veramente di appartenere ad un gruppo, di fare parte del branco! Pensandoci, però, questa regola non è che abbia molto senso visto che ognuno indossa scarpe diverse e dei colori più disparati, ma questa è un’altra storia… Comunque, defraudata del mio fedele fantasmino, ho pensato che se la calza si doveva vedere, tanto valeva averla bella, divertente, colorata.

E così via di calza arancio al Sanga e calza azzurra al BFM, rigorosamente in pendant con la divisa da gara: quanto stile!

La mia calza preferita da allenamento è quella molto sobria con l’aquila multicolore, mi piacerebbe sapere cosa indossano le trend-setter Giorgia Sottana e Iaia Zanoni, il fashion blogger Tommy Marino o il bomber Alessandro Mamoli per esempio.

Lancio la sfida sobrietà o ignoranza? Chi vincerà?

0012344_stance-talon-socks-white